Edizione:

Aggiornato il:22 Gennaio 18:15.

scritta banner

 
 

2 navi marina militare radiate dal naviglio - Italia

190102 Nave Marina 3Altre 2 navi lasciano definitivamente la Marina Militare dopo oltre 40 anni dal varo.

ITALIA - 2 gennaio – Con la fine dell’anno, l’ex dragamine litoraneo Mitilo e il rimorchiatore d’altura Prometeo sono stati radiati dal quadro del naviglio militare dello Stato. Nave Mitilo, varata l’8 giugno 1957, è stata impiegata prevalentemente per attività di pattugliamento e bonifica da minacce subacquee all’ingresso dei porti. Nell’ultima fase della sua vita operativa, assieme alle altre unità della classe Aragosta, è stata periodicamente dislocata a Livorno, al fine di poter garantire le esigenze formative dei giovani allievi ufficiali dell’Accademia Navale nel corso delle uscite in mare finalizzate all’acquisizione delle prime nozioni di manovra di una unità navale. Nave Prometeo, appartenente alla classe "Atlante", è stata concepita come rimorchiatore d'altura sia per il soccorso in mare che per l'impiego antincendio. Varata nel 1975 presso i cantieri navali Visentini di Donata (RO), e consegnata alla Marina Militare l'anno successivo, ha operato nelle sedi di Napoli, Messina e Augusta. Nel mese di ottobre 2017, rispettivamente nelle sedi di Augusta e di La Spezia, le due unità navali hanno concluso la loro attività operativa con la rituale cerimonia solenne dell’Ultimo Ammaina Bandiera, alla presenza della popolazione e delle autorità militari e civili locali ed oggi, contestualmente alla radiazione, le navi assumeranno la denominazione di “galleggianti” per la successiva attività di alienazione. Anche queste radiazioni concorrono al processo di ridimensionamento della Squadra Navale per il progressivo invecchiamento delle unità che hanno maturato una vita media prossima o superiore ai 30 anni.

Approfondimenti

Notiziario della Marina – Ultimo ammaina bandiera Nave Mitilo

Notiziario della Marina – Ultimo ammaina bandiera Nave Prometeo

Nave Mitilo

Al termine del secondo conflitto mondiale, la Marina Militare si impegnò nel pattugliamento e nella bonifica da eventuali minacce subacquee, ivi compresa anche quella derivante dalla guerra di mine. Lo Stato Maggiore della Marina costruì un numero elevato di navi con dimensioni contenute e costi ridotti, aventi scafi interamente in legno e tecnologie per certi versi molto simili a quelle di una nave da pesca e, non meno importante, con un grado d’autonomia tale da garantire l’impiego lungo tutto il litorale nazionale o, meglio ancora, in quella che sarebbe diventata la futura zona economica esclusiva. Fu così che, agli inizi degli anni ’50, iniziò la costruzione dei Dragamine Magnetici Litoranei Tipo M.S.I. (Inshore Minesweeper) classe Arsella, (divenuta poi classe Aragosta), raggruppati sott o un unico Comando denominato 74^ Squadriglia Dragamine con sede prima a La Spezia poi a Messina ed in ultimo di nuovo a La Spezia.

Nave Mitilo prese vita da questo progetto, fu impostata il 7 marzo del ‘56 presso il Cantiere Picchiotti di Viareggio e varata l’8 giugno del 1957. La Marina Militare la ebbe in consegna l’11 luglio dello stesso anno e la iscrisse quale “Dragamine litorale” tipo M.S.I. (Inshore Minesweeper) con il seguente distintivo ottico “M 5459”. Entro maggio dell’anno successivo furono terminate le prove di fine garanzia e il corso di dragaggio. Da tale data l’Unità gravitò nel bacino del mar Tirreno svolgendo attività d’addestramento, reale e di pattugliamento. Negli anni della sua vita operativa l’Unità è stata dislocata nelle sedi di La Spezia, Napoli, Gaeta, Castellammare di Stabia, Augusta e La Maddalena.

Nave Prometeo

Costruita presso il Cantiere Visentini–Donada, la nave presenta un equipaggio di 25 marinai. Grazie al suo apparato motore (2 D Grandi Motori Trieste BL-230-8 M) è in grado di sviluppare una potenza di 2.760 HP (1.963 kW), velocità massima di 13,5 nodi e una autonomia di 4.000 miglia nautiche alla velocità di 12 nodi.

190102 Nave Marina 1190102 Nave Marina 2190102 Nave Marina 4

Prossimi eventi

24 Gen
SARCHE - Riunione capigruppo alpini
24 Gen 2019 20:00 - 21:00
25 Gen
MARGONE - Assemblea soci Pro Loco
25 Gen 2019 19:30 - 20:30
25 Gen
CALAVINO - Le fosse di Kirov
25 Gen 2019 20:30 - 21:30
26 Gen
LASINO - Spettacolo teatrale
26 Gen 2019 20:30 - 21:30
28 Gen
TERLAGO - Consiglio comunale di Vallelaghi
28 Gen 2019 20:00 - 21:00
2 Feb
COVELO - Assemblea elettiva gruppo ANA
2 Feb 2019 20:30 - 21:30

Notizie Regionali

22 Gen 2019 - Soccorso Alpino Trentino
Operazione di soccorso - Canzolino

Soccorsa una donna scivolata sul ghiaccio nei pressi di Canzolino.

22 Gen 2019 - redazione
Self service e l'onestà - Trento

Prendi ciò che ti serve e metti i soldi nel salvadanaio.

20 Gen 2019 - Soccorso Alpino Trentino
Tragedia su parete di ghiaccio - Cimego

Incidente mortale su cascata di ghiaccio sopra Malga Caino (Cimego).

14 Gen 2019 - Roberto Franceschini
Sistemi di protezione civile a confronto - Trentino

Rischio valanghe, incendi boschivi, sicurezza in volo specie in relazione ad ostacoli a bassa quota, raccordo [ ... ]

Nazionali

22 Gen 2019 - Club Alpino Italiano
Vivere l'ambiente - Italia

Da marzo a ottobre 2019 il Club alpino italiano organizza tre incontri serali (tutti in Veneto) e nove [ ... ]

15 Gen 2019 - Ufficio Stampa Marina Militare
Consegna baschi verdi incursori - La Spezia

La consegna dei baschi verdi agli incursori della Marina Militare Italiana.

Fuori Valle

26 Gen
TRENTO - Assemblea ufficiali in congedo
26 Gen 2019 10:30 - 12:30
27 Gen
PIEVE DI LEDRO - Tuffo della Merla
27 Gen 2019 12:00 - 13:00

Frase del giorno

Quando l'ascia entrò nel bosco molti alberi dissero -almeno il manico è dei nostri-
Proverbio Turco.
 

Menu utente