Edizione:

Aggiornato il:21 Settembre 10:58.

scritta banner

 
 

A proposito di casa caveau del vino santo - Lettere al giornale

logo 300Tutti i giornali hanno riportato la notizia dell'accesa discussione che c'è stata nello scorso consiglio comunale in merito al progetto della casa caveau del vino santo che l'amministrazione comunale intende realizzare a Padergnone.
Ci sembra opportuno spiegare alla cittadinanza la posizione di "Progetto Vallelaghi" affinchè non ci
siano fraintendimenti.
Il progetto costa circa 230 mila euro dei quali circa la metà per la ristrutturazione dell'immobile e l'altra metà per gli allestimenti museali che comprendono pannelli, espositori, strumenti multimediali, ecc. Non stiamo parlando di noccioline !
Tutti gli allegati tecnici e la stessa delibera riportano il fatto che la struttura verrà gestita dall'Associazione Vignaioli del Vino Santo.
Quali sono le forti perplessità di "Progetto Vallelaghi"?
La collocazione della struttura. Si tratta di avvolti interrati che non dispongono di servizi igienici ne di uscite di sicurezza. Abbiamo chiesto come sia possibile allestire un'area museale nella quale si prevede l'afflusso (si spera...) di turisti e visitatori senza disporre di servizi igienici. La risposta dell'amministrazione è che si troverà poi una soluzione in un alloggio limitrofo privato! Tradotto: intanto facciamo la struttura e poi vediamo dove mandare i visitatori al bagno, ipotizzando di vincolare questa cosa alla disponibilità di proprietari privati. Ci sembra quanto mai discutibile come modalità di utilizzare soldi pubblici!
Abbiamo chiesto se siano state valutate collocazioni diverse. L'amministrazione non ha valutato alcuna altra collocazione alternativa ne dentro ne fuori il territorio comunale. Anche questo non ci sembra un buon modo per avviare un progetto importante come questo.
Il coinvolgimento di altre realtà. Dal nostro punto di vista perchè un progetto come questo funzioni ha bisogno di una condivisione più ampia che non c'è stata. Non sono state coinvolte altre importanti realtà che sul tema del Vino santo lavorano.
Intendiamoci: abbiamo spiegato più volte che non siamo contrari al coinvolgimento dell'Associazione Vignaioli del Vino Santo. Il problema è un altro. Come fà un'amministrazione pubblica a dare per scontato in una delibera di questo tipo che la gestione di un progetto che richiede un investimento di 230 mila euro verrà affidato ad un'associazione di produttori privati (qualunque essa sia) senza un bando e senza nessun tipo di spiegazione e formalizzazione di quali saranno le condizioni e gli impegni che garantiscano la finalità pubblica di un investimento di questo tipo? Non è un problema il coinvolgimento di privati, anzi. E' un problema il modo con cui questo lo si fa, che a nostro avviso non è corretto da nessun punto di vista e che potrebbe andare a penalizzare anche la stessa associazione. L'amministrazione ci risponde che intanto si chiede il finanziamento e poi si vedrà come affidare correttamente la gestione. Il problema è che a chi sarà affidata è già scritto in tutti i documenti presentati in Consiglio comunale!
Nell'articolo pubblicato dal quotidiano L'Adige si afferma che il caveau del vino santo era un sogno cullato da diverse persone fuori e dentro il palazzo. Ci piacerebbe sapere chi sono queste persone. In tutti i casi crediamo che un'amministrazione pubblica ha tutto il diritto e il dovere di avere dei sogni e di coltivare anche quelli di qualche loro cittadino, però quando si tratta di investire soldi pubblici lo deve fare non sui sogni ma su progetti che abbiano un capo e una coda e la maggior possibilità di successo negli anni futuri. Altrimenti il rischio, come spesso accade, è che intanto si spendono i soldi (di tutti i cittadini) e poi i progetti si fermano. Ci sembra che se il buon giorno si vede dal mattino per questo progetto il giorno rischia di non essere proprio sereno.
Concludiamo informando tutti i cittadini che avevamo la possibilità di abbandonare l'aula e di far mancare il numero legale. I consiglieri di maggioranza presenti erano solo 7 su 12 (sarà anche un periodo di ferie ma forse anche questo non è un gran segnale). Non lo abbiamo fatto perchè il nostro compito non è quello di boicottare la maggioranza e perchè in democrazia c'è prima di tutto il dovere di rispettare i reciproci ruoli e le reciproche responsabilità.
Se l'amministrazione può richiedere questo finanziamento è grazie alla nostra responsabilità, pur avendo messo in evidenza tutte le criticità che porta in sè, che non sono poche.

"Progetto Vallelaghi"

itenfrdeplptrorues

Prossimi eventi

22 Set
VIOTE - Ice Age Europe Day
Data 22 Set 2019 09:30 - 16:30
22 Set
MARGONE - Festa d'Autunno volo libero
Data 22 Set 2019 10:00 - 16:30
23 Set
SARCHE - Il comune incontra i censiti
Data 23 Set 2019 20:00 - 21:00
26 Set
27 Set
TERLAGO - Concerto musica classica
Data 27 Set 2019 20:30 - 21:30
30 Set
CALAVINO - Il comune incontra i censiti
Data 30 Set 2019 20:00 - 21:00

Notizie Regionali

20 Set 2019 - Soccorso Alpino Trentino
Ancora un volo fatale - Marmolada

Incidente mortale: pilota di parapendio precipitato in Marmolada.

19 Set 2019 - Magg. Matteo BOSCHIAN BAILO
Cambio di comando - Trento

Cambio di comando al XXXI Battaglione guastatori "Iseo".

19 Set 2019 - SAT Trentino
Il nuovo logo della Società Alpinisti Tridentini - Trentino

Il nuovo logo della SAT.

18 Set 2019 - Scuderia Pintarelli
Ottimi risultati al rally - San Martino di Castrozza

Tre gare e otto piloti al via per la Scuderia Pintarally questo weekend, rally, pista e slalom.

Nazionali

20 Set 2019 - redazione
53ª Fiera del Riso - Isola della Scala

Sua maestà il risotto alla Fiera del Riso.

17 Set 2019 - Bruna Biagioni
Hikikomori: facciamo chiarezza - Italia

Un nuovo disagio che riguarda i giovani si affaccia oggi all’attenzione delle cronache: è quello dei [ ... ]

Fuori Valle

22 Set
PERGINE VALS: - Camminata per la Vita
Data 22 Set 2019 09:00 - 13:00
22 Set
GIOVO - Marcia dell'uva
Data 22 Set 2019 09:00 - 12:00
4 Ott
TRENTO - Concerto Coro Paganella
Data 4 Ott 2019 20:30 - 21:30

Frase del giorno

Esistono solo due modi di vivere la vita. Uno è come se niente è un miracolo. L'altro è come se qualsiasi cosa è un miracolo.
Albert Einstein
 

Menu utente