Edizione:

Aggiornato il:15 Luglio 12:25.

scritta banner

 
 

Cerimonia commemorativa -Sad Sack- Pietramurata

150104 Cerimonia Aviatori Pietramurata 30 CopiaLa commemorazione si è svolta nella mattinata di domenica 04 gennaio 2014, quindi esattamente a 70 anni dal tragico incidente aereo.

PIETRAMURATA - Il 4 gennaio 1945, alle 12.05, il B-25J Mitchell del 310° Bombardment Group, 428° Bombardment Squadron, numero di serie 43-27666, con a bordo sei aviatori, Ten. Robert G. McPherson, di Kansas City (Missouri), pilota, Ten. Nolan D. Pickett, di Liberty (Texas), co-pilota, Serg. Magg. William J. Rutherford, di New York, puntatore, Serg. Magg. Eli L. Weaver Jr., di Bethlehem (Pennsylvania), armiere e mitragliere di coda, Serg. Orlando R. Fazenbaker, di Keyser (West Virginia), operatore radio e mitragliere centrale, Serg. Magg. Milo Dailey, di West Hamlin (West Virginia), motorista e mitragliere di torretta, perse il contatto con la sua formazione di 35 aeroplani che, provenendo dalla base di Ghisonaccia in Corsica, avevano bombardato il viadotto ferroviario sull’Avisio. Mentre volava sul ponte di Lavis il «Sad Sack» (questo era il nomignolo dell’aereo) fu colpito dalla FlAK, l’artiglieria antiaerea tedesca. Il B-25 perse il motore sinistro, sbandò bruscamente verso destra sfiorando l’aereo che volava accanto e, dopo un avvitamento, perdendo in pochi attimi quasi 2000m di quota, uscì di formazione. Sopra Vezzano mandò il suo ultimo segnale via radio. Il «Sad Sack» fu visto arrivare, bassissimo e con una scia di fumo nero, sopra Pietramurata. Due uomini dei sei dell’equipaggio furono visti scendere con i loro paracadute. Erano Rutherford e Weaver. Dailey si schiantò al suolo: il suo paracadute non venne aperto perché l’aviatore, uscendo dall’aereo, probabilmente era stordito per l’urto del capo contro il bordo del portellone. Il «Sad Sack», ormai ingovernabile, picchiò l’ala destra contro la parete rocciosa del Monte Casale e, dopo un avvitamento repentino, andò a precipitare sul pendio sottostante. McPherson, Pickett, Fazenbaker e Dailey persero la vita. Rutherford e Weaver, catturati dai tedeschi, sopravvissero alla guerra.
La commemorazione si è svolta nella mattinta di domenica 04 gennaio 2015, quindi esattamente a 70 anni dal tragico incidente aereo. In località Isoletta di Pietramurata (comune di Dro in Trentino), presenti diverse autorità civili e militari, associazioni d'arma e parenti degli aviatori. In rappresentanza delle Forze Armate USA, il comandante della base area USA in Aviano (pordenone), Colonnello USAF-US Air Forces in Europa Anthony D. Abernathy, sede del 31st Fighter Wing. Dopo la cerimonia presso il masso elevato a monumento in ricordo degli avitori deceduti, esecuzione degli inni nazionali (Italiano, Europeo e Statunitense), presso il monumento ai caduti di tutte le guerre nella piazza di Pietramurata. A seguire S.Messa e quindi i discorsi delle autorità convenute. Presso la sede del Circolo pensionato ed anziani “All'ombra della Torre”, esposizione di reperti del bombardiere precipitato sui rapidi pendii del Monte Casale. L'evento è stato organizzato dall'Associazione Arma Aeronautica sezione “Alto Garda” con il presidente Danilo Angeli, fondata ad Arco il 10 gennaio 1980.

SCHEDA TECNICA
Caratteristiche del bombardiere North American B-25J Mitchell (USAAF) – Qursto velivolo volò per la prima volta nel 1940 e fu subito utilizzato dalle aviazioni americana, inglese e russa: non a caso fu fra i migliori bombardieri medi delle varie parti in conflitto. Con dei B-25, venne compiuto, sotto la guida di James Doolittle, il famoso raid su Tokio (possibile grazie al decollo dei bombardieri da una portaerei, la Hornet). Il nome "Mitchell" sorse in onore del generaleWilliam Lendrum "Billy" Mitchell, condannato ingiustamente per insubordinazione nel 1926 e grande sostenitore della forza aerea. Il B-25J fungeva da bombardiere ad alta e bassa quota, da velivolo per l'attacco al suolo con armamento pesante ed effettuava missioni antisommergibili e di ricognizione. Era ben armato, con cinque mitragliatrici calibro 50 che sparavano in avanti ed altre cinque montate nella parte superiore, posteriore e ai lati. Il muso trasparente poteva essere sostituito, per gli attacchi al suolo, con un muso solido armato di massimo otto mitragliatrici, oppure perfino di un cannoncino da 75 mm con caricamento manuale singolo.

Qui galleria fotografica

PIETRAMURATA - On January 4th 1945 at 12h05 the B-25J Mitchell, serial number 43-27666, from the 310th Bombardment Group, 428th Bombardment Squadron had flown from their base at Ghisonaccia in Corsica. Six airmen were on board the plane: Lt. Robert G. McPherson, from Kansas City (Missouri), pilot, Lt. Nolan D. Pickett, from Liberty (Texas), co-pilot, Sgt Maj. William J. Rutherford, from New York, aimer/bombardier, Sgt Maj. Eli L. Weaver Jr., from Bethlehem (Pennsylvania), armorer and tail gunner, Sgt. Orlando R. Fazenbaker, from Keyser (West Virginia), radio operator and waist gunner, Sgt Maj. Milo Dailey, from West Hamlin (West Virginia), flight engineer and turret gunner. Having just bombed the railway bridge on the Avisio river and flying over the Lavis’ bridge, the “Sad Sack” (the nickname of the plane) was hit by the FlAK from the German anti-aircraft. After losing its left engine the B-25 swerved abruptly to the right, where it almost touched the plane next to it and then after a tailspin, rapidly losing nearly 2000 m. in height it lost contact with its formation of 35 planes. Over Vezzano it sent its last radio signal. The “Sad Sack” was then seen over Pietramurata, flying very low and leaving behind a dark smoke trail. Two of the six crew members were seen coming down with their parachutes (they were able to bail out): they were Rutherford and Weaver. Dailey crashed to the ground: he couldn’t open his parachute because when he bailed out he was unconscious as he had probably banged his head against the exit hatch side. The “Sad Sack”, now unflyable then, hit its right wing against the rock face of the Mount Casale, and, after a sudden tailspin, crashed on the slope below. Mc Pherson, Pickett, Fazenbaker and Dailey died in the crash. Rutherford and Weaver were captured by Germans, but survived the war.

 

itenfrdeplptrorues

Prossimi eventi

16 Lug
17 Lug
CAVEDINE - Filò d'arte e cultura
17 Lug 2019 20:30 - 21:30
18 Lug
CAVEDINE- Filò d'arte e cultura
18 Lug 2019 20:30 - 21:30
19 Lug
VIGO CAVEDINE - I suoni del tempo
19 Lug 2019 21:00 - 22:00
21 Lug
LAGO CAVEDINE - Esercitazione antincendio
21 Lug 2019 08:30 - 12:00
21 Lug
MARGONE - Festa dell'ospite e corsa
21 Lug 2019 10:00 - 17:00

Notizie Regionali

12 Lug 2019 - Comando Truppe Alpine
Nuova sezione sportiva alpina - Brunico

Inaugurata la sezione sportiva Esercito “Alto Adige”.

11 Lug 2019 - Pintarally Motorsport
Pintarally a podio con 8 piloti. Ghezzi terzo assoluto.

Gara di casa la Trento Bondone per la Pintarally Motorsport che schiera al via di questa 69esima edizione [ ... ]

09 Lug 2019 - A.Severin
Escursione storico/culturale - Vigo Lomaso

Nonostante il modesto acquazzone delle 16,30 l'escursione programmata dall'Associazione culturaleMadruzzo.500 [ ... ]

07 Lug 2019 - Ufficio stampa ANA Trento
Commemorazione al Corno Battisti - Pasubio

Corno Battisti 103 anni dopo.

Nazionali

11 Lug 2019 - Comando Truppe Alpine
Esercitazione alpina internazionale - Auronzo di Cadore (BL)

Gli alpini alle Tre Cime di Lavaredo. Le Truppe Alpine in esercitazione internazionale in Veneto.

11 Lug 2019 - Gustavo Vitali
La XXII edizione dei Campionati del Mondo di deltaplano è pronta a spiccare il volo.

Per la quarta volta l’Italia ospita la massima competizione mondiale dopo quelle del 1999, 2008 e del [ ... ]

Fuori Valle

24 Ago
LAGO DI CALDONAZZO - Trentino Swimrun Weekend
24 Ago 2019 10:00 - 25 Ago 2019 13:00
8 Set
AVIO - Palio delle Botti
8 Set 2019 11:00 - 18:30
15 Set

Frase del giorno

Anche un orologio fermo segna l'ora giusta due volte al giorno.
Hermann Hesse
 

Menu utente