Edizione:

Aggiornato il:15 Luglio 12:25.

scritta banner

 
 

Marmolada superstar a "Mese Montagna" - Vezzano

141127 Marmolada 6La regina ha incantato Mese Montagna. Una serata suggestiva quella andata in scena ieri sera presso il Teatro Valle dei Laghi di Vezzano e dedicata ad una delle pareti maggiormente ricca di storia delle Dolomiti, la sud della Marmolada

 

VEZZANO -  Iin particolar modo la serata si è incentrata sulla “Via attraverso il pesce”, raccontata dai suoi due primatisti che hanno legato indissolubilmente il loro nome a questa montagna, ovvero lo slovacco Igor Koller (il primo a realizzarla) e all’austriaco Hansjörg Auer che invece la concluse addirittura in free.
Due straordinarie storie, in epoche diverse, ma con un comune denominatore: la straordinaria verticalità con ben 900 metri di sviluppo e un grado che raggiunge il 7b+.
Koller, che creò questa via nell’agosto del 1981 in coppia con Jindrich Sustr, ha simpaticamente raccontato il fascino che inizialmente gli aveva trasmesso questo tracciato e in particolar modo la spettacolare nicchia in centro alla placca dalla forma rassomigliante ad una balena, da cui prese poi spunto la denominazione. L’alpinista slovacco ha fatto sorridere il pubblico in particolar modo per l’esposizione del materiale da lui utilizzato per questa impresa, decisamente spartano ed elementare, che valorizza ulteriormente quando fatto assieme al suo giovanissimo compagno di allora Sustr, che ha definito «un autentico fuoriclasse».
Trentatrè anni fa i due slovacchi usarono 65 chiodi, oltre a stopper, hexentric, friend e due piccoli cliff-hanger o skyhook, dei piccoli ganci. Impiegarono 35 ore ad arrivare in cima.
Dal 1981 la «Via attraverso il pesce» diventa fra le più difficili in assoluto ed è il sogno di tanti alpinisti, come per Bruno Pederiva, presente pure lui alla serata, che ha raccontato la ripetizione assieme a Heinz Mariacher, "Maurizio Zanolla Manolo" e Luisa Jovane. Nel 1990 la realizzò in solitaria pure Maurizio Giordani e nel 2007 un giovanissimo e sconosciuto austriaco: Hansjörg Auer. A soli 23 anni, dopo dopo una perlustrazione della via con la corda dall'alto effettuata il 28 aprile 2007, il 29 aprile 2007 sale la leggendaria via in poco meno di 3 ore, senza corda, soltanto con scarpette, sacchetto della magnesite, una giacca leggera e un casco. Parte alle 9.00 e raggiunge la cima alle 11.55. La prima in arrampicata free in solitaria. Un’impresa straordinaria, che fu testimoniata grazie alla presenza di una cordata che nello stesso momento stava affrontando la via Don Quixote. Una giornata che cambiò la vita di Auer. «Ho mandato un sms a mia madre prima di partire e un selfie appena giunto in vetta».
Una montagna e una parete che identifica e lega profondamente l’alpinista austriaco alle Dolomiti, tant’è che negli anni successivi si è cimentato in altre imprese, anche con il fratello Vitus. Sempre Hansjörg, assieme al connazionale Much Mayr, nel 2012  hanno poi compiuto la prima libera di L'Ultimo dei Paracadutisti (8b+, 750m), la super via aperta da Mariano Frizzera, Paolo Leoni e Graziano Maffei sulla parete sud della Marmolada. E proprio Mariano e Paolo hanno animato il palco nella parte finale, raccontando simpaticamente la loro prima.
Per Koller e Auer la serata si è conclusa con un grazie al Comitato Organizzatore presieduto da Gianni Bressan e, soprattutto, alla Marmolada, la montagna che li ha resi celebri.

VENERDI' SERA IL POLACCO WIELICKI RACCONTA I SUOI OTTOMILA D'INVERNO
Venerdì sera alle 20.30, sempre al Teatro Valle dei Laghi di Vezzano è prevista la gran chiusura della nona edizione di Mese Montagna con la presenza di Krzysztof Wielicki. L’alpinistica polacco è il quinto uomo ad aver scalato tutti i 14 ottomila, ma in modo decisamente particolare, ovvero in invernale e in solitaria, oppure lungo nuovi itinerari, realizzando spesso record di velocità. In abbinata con la serata è previsto anche un momento di solidarietà, rispettando la filosofia di questa rassegna. Parte dell’incasso (costo ingresso 3 euro) verrà devoluto all’Associazione Ciao – Namasè costituita dall’alpinista Mario Corradini, lui stesso presente per presentare i propri progetti in Nepal e in altre parti del mondo.

141127 Marmolada 1141127 Marmolada 2141127 Marmolada 4141127 Marmolada 5141127 Marmolada 6

itenfrdeplptrorues

Prossimi eventi

16 Lug
17 Lug
CAVEDINE - Filò d'arte e cultura
17 Lug 2019 20:30 - 21:30
18 Lug
CAVEDINE- Filò d'arte e cultura
18 Lug 2019 20:30 - 21:30
19 Lug
VIGO CAVEDINE - I suoni del tempo
19 Lug 2019 21:00 - 22:00
21 Lug
LAGO CAVEDINE - Esercitazione antincendio
21 Lug 2019 08:30 - 12:00
21 Lug
MARGONE - Festa dell'ospite e corsa
21 Lug 2019 10:00 - 17:00

Notizie Regionali

12 Lug 2019 - Comando Truppe Alpine
Nuova sezione sportiva alpina - Brunico

Inaugurata la sezione sportiva Esercito “Alto Adige”.

11 Lug 2019 - Pintarally Motorsport
Pintarally a podio con 8 piloti. Ghezzi terzo assoluto.

Gara di casa la Trento Bondone per la Pintarally Motorsport che schiera al via di questa 69esima edizione [ ... ]

09 Lug 2019 - A.Severin
Escursione storico/culturale - Vigo Lomaso

Nonostante il modesto acquazzone delle 16,30 l'escursione programmata dall'Associazione culturaleMadruzzo.500 [ ... ]

07 Lug 2019 - Ufficio stampa ANA Trento
Commemorazione al Corno Battisti - Pasubio

Corno Battisti 103 anni dopo.

Nazionali

11 Lug 2019 - Comando Truppe Alpine
Esercitazione alpina internazionale - Auronzo di Cadore (BL)

Gli alpini alle Tre Cime di Lavaredo. Le Truppe Alpine in esercitazione internazionale in Veneto.

11 Lug 2019 - Gustavo Vitali
La XXII edizione dei Campionati del Mondo di deltaplano è pronta a spiccare il volo.

Per la quarta volta l’Italia ospita la massima competizione mondiale dopo quelle del 1999, 2008 e del [ ... ]

Fuori Valle

24 Ago
LAGO DI CALDONAZZO - Trentino Swimrun Weekend
24 Ago 2019 10:00 - 25 Ago 2019 13:00
8 Set
AVIO - Palio delle Botti
8 Set 2019 11:00 - 18:30
15 Set

Frase del giorno

Anche un orologio fermo segna l'ora giusta due volte al giorno.
Hermann Hesse
 

Menu utente